INTERVENTI DOMICILIARI2018-04-24T13:54:36+02:00

INTERVENTI DOMICILIARI

Di cosa si tratta e a chi possono essere utili

INTERVENTI DOMICILIARI

In alcuni casi è più efficace e opportuno per un terapeuta, lavorare direttamente all’interno dell’ambiente in cui vive quotidianamente colui che richiede il suo aiuto.

Può essere utile quando:

  • È indispensabile osservare e agire nella rete di relazioni della persona;
  • L’ambiente stesso ha delle peculiarità che influiscono sul problema da risolvere;
  • Non è possibile per chi cerca aiuto, raggiungere il terapeuta.
    Capita in genere per problemi di salute critici (malattie terminali o gravi periodi di riabilitazione post-traumatica), oppure per stati emotivi debilitanti (tendenza alla chiusura o all’isolamento, depressione o post partum a rischio);
  • A volte quel che si percepisce e si riporta al terapeuta non è sufficiente ed è necessaria una sua osservazione diretta dell’ambiente di vita;
  • Quando viene rifiutato il trattamento, ma i familiari di una persona sofferente esprimono preoccupazioni circa la sua situazione di salute;
  • Oltre a questo, a volte per noi psicologi è utile lavorare a contatto con i familiari e i conviventi di chi è in sofferenza, per migliorarne le condizioni di vita.

L’attivazione di interventi a domicilio prevede due distinte fasi:

  1. Valutazione del caso specifico per analizzare la situazione, individuare obiettivi condivisi e concordati tra chi ha bisogno d’aiuto e i familiari, e prime indicazioni per la gestione del problema
  2. Intervento clinico per:
  • migliorare la qualità di vita e il benessere della persona;
  • stimolare il recupero o l’attivazione di abilità e risorse presenti nella persona e nella famiglia;
  • incentivare il recupero di un progetto di vita, interessi e valori personali;
  • individuare e recuperare comportamenti dannosi;
  • aiutare lo sviluppo della rete sociale;
  • favorire comportamenti utili alla gestione della situazione problematica.

APPROFONDIAMO L’ARGOMENTO…

Cosa significa per me essere una psicoterapeuta

by |5 Aprile 2017|Categorie: Iniziative, Interviste e Proposte, Psicopatologie della gravidanza|

"Quando un paziente mi racconta quanta fatica fa a stare al mondo, so che lo sto alleggerendo un po' da quel disagio. Quando mi racconta i suoi successi, la sua gioia è anche la mia. [...]

Post-partum.it mi ha intervistata sulla DPP e il Progetto Gemma

by |28 Marzo 2017|Categorie: Iniziative, Interviste e Proposte, Psicopatologie della gravidanza|

Ecco l'intervista che Valentina di www.post-partum.it mi ha fatto sul Progetto Gemma, al quale tengo infinitamente. Grazie mille a Valentina e alla redazione di Post-partum.it. Potete trovare la versione originale cliccando qui. Per qualsiasi [...]

Quando il ginecologo mi disse: “Ha voluto la bicicletta…?”

by |1 Marzo 2017|Categorie: Parla Patrizia, Psicopatologie della gravidanza|

Hai voluto la bicicletta? Adesso pedala! Traduco: la bicicletta in questione si chiama Giovanni e pedalare significa non lamentarti! La bicicletta l'ho voluta eccome...Giovanni è la scelta che rifarei sempre e comunque. Ciò che non [...]

Torna in cima